Il TUO CERVELLO NON E’ PER PENSARE 


In tempi di stress, questa sorprendente lezione dalle neuroscienze può aiutare a ridurre le tue ansie.

Cinquecento milioni di anni fa, una minuscola creatura marina cambiò il corso della storia: divenne il primo predatore. In qualche modo ha percepito la presenza di un’altra creatura nelle vicinanze, ha spinto o si è dimenato e l’ha mangiata deliberatamente.

Questa nuova attività di caccia ha avviato una corsa agli armamenti evolutiva. Nel corso di milioni di anni, sia i predatori che le prede hanno sviluppato corpi più complessi che potevano percepire e muoversi in modo più efficace per catturare o eludere altre creature.

Alla fine, alcune creature hanno sviluppato un centro di comando per gestire quei corpi complessi. Lo chiamiamo cervello.

Questa storia di come si è evoluto il cervello, sebbene sia solo uno schizzo, attira l’attenzione su una visione chiave degli esseri umani che è troppo spesso trascurata. Il lavoro più importante del tuo cervello non è pensare; gestisce i sistemi del tuo corpo per mantenerti vivo e vegeto. Secondo recenti scoperte nel campo delle neuroscienze, anche quando il tuo cervello produce pensieri e sentimenti coscienti, sono più al servizio delle esigenze di gestione del tuo corpo di quanto ti rendi conto.

E in tempi di stress come adesso, questa curiosa prospettiva sulla tua vita mentale può effettivamente aiutare a ridurre le tue ansie.

Gran parte dell’attività del tuo cervello avviene al di fuori della tua consapevolezza. In ogni momento, il tuo cervello deve capire i bisogni del tuo corpo per il momento successivo ed eseguire un piano per soddisfarli in anticipo. Ad esempio, ogni mattina quando ti svegli, il tuo cervello anticipa l’energia necessaria per trascinare il tuo corpo dispiaciuto fuori dal letto e iniziare la giornata. Inonda in modo proattivo il flusso sanguigno con l’ormone cortisolo, che aiuta a rendere disponibile il glucosio per l’energia rapida.

Il tuo cervello gestisce il tuo corpo usando qualcosa come un budget. Un budget finanziario tiene traccia del denaro mentre viene guadagnato e speso. Il budget per il tuo corpo tiene traccia di risorse come acqua, sale e glucosio man mano che le guadagni e le perdi. Ogni azione che spende risorse, come alzarsi in piedi, correre e imparare, è come un ritiro dal proprio account. Le azioni che ricostituiscono le tue risorse, come mangiare e dormire, sono come depositi.

Il nome scientifico per il body budgeting è allostasis. Significa prevedere e prepararsi automaticamente a soddisfare i bisogni del corpo prima che si presentino. Considera cosa succede quando hai sete e bevi un bicchiere d’acqua. L’acqua impiega circa 20 minuti per raggiungere il flusso sanguigno, ma in pochi secondi ti senti meno assetato. Cosa allevia la tua sete così velocemente? Il tuo cervello lo fa. Ha imparato dall’esperienza passata che l’acqua è un deposito nel budget del tuo corpo che ti idraterà, quindi il tuo cervello disseta molto prima che l’acqua abbia un effetto diretto sul tuo sangue.

Questo resoconto di bilancio di come funziona il cervello può sembrare plausibile quando si tratta delle tue funzioni corporee. Può sembrare meno naturale vedere la tua vita mentale come una serie di depositi e prelievi. Ma la tua esperienza è raramente una guida per il funzionamento interno del tuo cervello. Ogni pensiero che hai, ogni sensazione di felicità o rabbia o timore reverenziale che provi, ogni gentilezza che estendi e ogni insulto che porti o fiondi fa parte dei calcoli del tuo cervello in quanto anticipa e budget i tuoi bisogni metabolici.

Questa visione del cervello ha molte implicazioni per la comprensione degli esseri umani. Così spesso, ad esempio, concepiamo noi stessi in termini mentali, separati dal fisico. Un brutto mal di stomaco che segue un pasto indulgente può mandarci dal gastroenterologo, ma se proviamo lo stesso dolore durante un divorzio disordinato, potremmo invece andare da uno psicoterapeuta. Nello studio del gastroenterologo, sperimentiamo il nostro disagio come un problema fisico sottostante; nello studio del terapeuta, sperimentiamo lo stesso disagio dell’ansia – un disturbo psicologico, manifestato fisicamente.

In termini di budget corporeo, tuttavia, questa distinzione tra mentale e fisico non è significativa. L’ansia non causa dolori di stomaco; piuttosto, sentimenti di ansia e dolori di stomaco sono entrambi i modi in cui il cervello umano dà un senso al disagio fisico. Non esiste una causa puramente mentale, perché ogni esperienza mentale ha radici nel bilancio fisico del tuo corpo. Questo è uno dei motivi per cui azioni fisiche come fare un respiro profondo o dormire di più possono essere sorprendentemente utili per affrontare problemi che tradizionalmente consideriamo psicologici.

Viviamo tutti in tempi difficili e siamo tutti ad alto rischio di budget corporei interrotti. Se ti senti stanco per la pandemia e stai combattendo contro una mancanza di motivazione, considera la tua situazione dal punto di vista del budget corporeo. Il tuo fardello potrebbe sembrare più leggero se comprendi il tuo disagio come qualcosa di fisico. Quando un pensiero spiacevole ti viene in mente, come “Non posso più sopportare questa follia”, poniti domande sul budget corporeo. “Ho dormito abbastanza la scorsa notte? Sono disidratato? Devo fare una passeggiata? Chiamare un amico? Perché potrei usare un deposito o due nel budget del mio corpo. “

Questo non è un gioco semantico. Si tratta di dare un nuovo significato alle tue sensazioni fisiche per guidare le tue azioni.

Non sto dicendo che puoi schioccare le dita e dissolvere la profonda miseria o spazzare via la depressione con un cambio di prospettiva. Sto suggerendo che è possibile riconoscere ciò che il tuo cervello sta effettivamente facendo e trarne un pò di conforto. Il tuo cervello non serve a pensare. Tutto ciò che evoca, dai pensieri alle emozioni ai sogni, è al servizio del body budgeting. Questa prospettiva, adottata con giudizio, può essere fonte di resilienza in tempi difficili.

Fonte: Lisa Feldman Barrett Neuroscienziata  e Professoressa di psicologia alla Northeastern University, autrice di “Seven and a Half Lessons About the Brain”, da cui questo articolo è tratto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close